Johnny in the sky with (crazy) diamonds

Accade su Nea, certo, solo se lo vogliamo davvero.

Come del resto, all’ombra della vita di tutti i giorni: le cose ci accadono quando cominciamo a volerle davvero. E io l’ho voluto, fortemente.

Sotto le meravigliose blue gardenie del mio Giardino Pensile, nei raggi più caldi del primo pomeriggio, intravvedo una sagoma. Non ho potuto non riconoscerla, talmente mi sono abituata a vederla durante questi anni passati. Lentamente, si arricchisce di particolari, ma resta distante. E’ approdata volando da lontano.Vuol farsi riconoscere, ma non avvicinare.

5

John Winston Lennon nasce a Liverpool il 9 Ottobre 1940, sotto le bombe della guerra e le buone intenzioni di Churchill. Buone intenzioni che erediterà dal suo secondo nome e che, per incapacità a mantenerle salde, sostituirà in futuro, con Ono (o-no!).

1
Treasure Ivan

Suo padre, un marinaio sempre fuori casa, lo abbandona quand’ancora è un piccolo innocente e inconsapevole Lennon-ino, salvo ripresentarsi ritmicamente lungo il corso della vita e in maniera pressante, soprattutto dopo l’esplosione della beatle-mania.

John coltiverà più intensamente il rapporto con sua madre Julia che, sollevata dall’impegno di essergli genitore (compito assunto in maniera inflessibile da Aunt Mimi), si dedica all’amicizia col figlio, insegnandogli a suonare l’ukulele.

Quindi, mi pare doveroso dirlo: grazie Julia!

Carattere eccentrico, egocentrico, lennon-centrico. Personalità eclettica, dialettica, teoretica, per  nulla asettica. Colto, con ironia. Ignorante di gran classe.

Vincente con le donne. Pessimo nei rapporti interpersonali.

No flies over Frank
No flies over Frank

Genio compositivo. Voce raschiata, anima graffiante, sguardo potente, aria affamata.

Magnetico e riluttante. Magno cantante.

Furor creativo, cuor secretivo.

Un giorno si imbatte in altri loschi figuri e, tra una trasformazione e l’altra, diventa John Lennon dei Beatles.

7
Yoko

Eterno indeciso tra essere e apparire, regale attaccabrighe, misogeno e ninfomane. Sfacciatamente consapevole del suo sex-appeal.

Chitarra ritmica, voce rauca, note stonate di un talento stanato.

Tu ridi, eh? Malfattore!

Immagina che tutta la gente viva col naso all’insù, gli occhi su nuvole sparse, i pensieri affogati in un mantra incessante: jai guru deva.

Om. Home.

Araminta Ditch
Araminta Ditch

Mano tremula, carne dannata. Occhio vispo, bocca sguaiata. Battuta che affiora dal labbro inferiore. Orecchio assoluto, sound cazzuto.

Com’è brillare nel cielo coi pazzi diamanti?

Salutami Syd.

A presto sentirti, amico mio.

E così com’è venuta, planando da grandi altezze, la sagoma ha ripreso il suo cammino come un drone su orfane lande, dove non c’è nessuno, nemmeno l’aria. Persino il fango scivoloso è meglio dell’afa.

Ramingo sulla strada vecchia e polverosa, non appartieni a questa Terra, non gli sei mai appartenuto, John Lackland Lennon, che la Regina d’Inghilterra ti salvi!

Annunci

2 thoughts on “Johnny in the sky with (crazy) diamonds

  1. Grazie per i complimenti, Sem. 🙂
    In realtà per me è stato abbastanza naturale scrivere di lui. Un piacevolissimo dovere riconoscergli, tra le altre cose, genio artistico e grande empatia.

    Buona giornata.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...