La voce (muta) della Luna

Un’ombra che vagava dispersa in un paesaggio metafisico, si imbatté in un cane e, tutta desiderosa di  trovare la risposta, cominciò a parlare:

“Sono l’ombra di un frutto, secondo te? Ti sembro uva?”

Il cane rispose sorpreso : “No! No di certo!”

“Ti sembro l’ombra di un albero, allora?”

“No, no affatto!”

“Forse sono l’ombra di una rosa eh? Che ne dici?”

Il cane cominciò a spazientirsi e disse : “Ma perché ti tormenti così e poi strazi proprio me?”

“Beh, cane – l’apostrofò l’ombra – tu il tuo padrone lo conosci bene, senti il suo odore, riconosci i suoi passi, quindi vorresti dirmi cosa deve fare una povera ombra che non trova il suo padrone?”

Il cane rise e divertito le disse :

“Tu sei un’ombra sciocca perché cerchi senza tregua e non smetti mai di pensare alla tua domanda. Non lo riconosci il tuo padrone dall’amore che ti dà lasciandoti credere di essere libera?”

Mentre il cane proseguì, l’ombra si fermò, si stese sull’erba, alzò lo sguardo e la vide, la luna.

Annunci

8 thoughts on “La voce (muta) della Luna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...