Vetri di Luna

Ophelia 1852 John EVerett Millais
Ophelia, John Everett Millais, 1852

Provando a nuotare

Mitigo le acque risalendo sotto questa luna feconda.

Mi nutro di nuvole e di aghi
Di odori e di visioni.

Sono una scarpa, un’ala.

Sono una pinna.
Corro
Mi svesto
Mi bagno e trasudo foglie, rami e vapore.

Mi rifugio nella rotondità di una calda grotta
e osservo l’inverno che si posa sulla terra.

Mi sporco di questa nobile verità
Celata da un’esistenza anonima
Senza titoli.

E così, sospesa, vedo la bellezza
Dove la follia umana spira.

                                                                                                  Nituscia Di Natale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...