James Abbott McNeill Whistler (1834-1903)

A cura di Roberto Mazzeo

Questo pittore americano è nato a Lowell, nel Massachusetts.
Nel 1843 suo padre si trasferì con la famiglia in Russia, per lavorare alla linea ferroviaria San Pietroburgo, Mosca.

Nel 1849, alla morte del padre, Whistler tornò negli Stati Uniti con la madre e nel 1851 entrò nella scuola militare di West Point, che abbandonò nel 1854 per dedicarsi al disegno e all’incisione.

Nel 1855 si trasferì in Europa, prima a Parigi, dove entrò in contatto con Henri Fantin-Latour e Gustave Courbet, e poi a Londra, dove trascorse quasi tutta la vita. In questi anni Whistler conobbe i pittori Pre-Raffaelliti: la loro amicizia, in particolare quella con Dante Gabriel Rossetti, ne influenzò lo stile, soprattutto nella scelta di temi semplici e quotidiani.

La chiave di lettura delle sue opere è tuttavia estremamente complessa, tanto che alcuni critici si spingono ad accostarne lo stile alla musica.
Whistler accettò di buon grado questa interpretazione ed intitolò molte sue opere “Sinfonie”: per l’artista “come la musica è la poesia del suono, così la pittura è la poesia della vista”.

In questo periodo un altro evento ne influenzò lo stile: all’Esposizione Universale di Londra del 1862, Whistler rimase colpito e affascinato dalle opere d’arte cinesi e giapponesi.

Cercando di fondere lo stile esotico con le ricerche dei Pre-Raffaelliti verso le arti decorative, diede vita ad una serie di dipinti in cui tentò una sintesi e insieme un confronto tra la cultura orientale e quella occidentale: le composizioni che ne scaturirono sono ancora fedeli alle regole della prospettiva, ma i colori sono utilizzati in maniera nuova, più vicina al cromatismo bidimensionale delle stampe giapponesi.

Nel 1866 Whistler si recò in Cile per sostenerne la guerra di indipendenza contro la Spagna; affascinato dalla città di Valparaiso, ne dipinse varie vedute notturne, la prima delle quali è del 1866.

Postilla di Camelia Nina

La straordinaria bellezza del lavoro di questo pittore mi ha lasciato senza parole.

Egli si muove con sapienza, come un fiume che scorre imperturbabile, tra le lezioni storico-artistiche del suo tempo riuscendo a produrre capolavori di indiscutibile valore.

Il tratto e il disegno, raffinato e perfetto, appartengono alla scuola classica di matrice preraffaellita, così come la scelta dei personaggi e dell’ambientazione.

Le atmosfere, offerte dalla pennellata, o comunque dal colore, sulla tela, o qualsiasi altro supporto scelto, vengono direttamente dal filone espressionista: intense descrizioni di moti interiori  attraverso le rappresentazioni di eventi esteriori.

La restituzione cromatica, la strategia espressiva, la capacità tecnica di manifestare la funzione della luce sugli oggetti e su tutta la realtà sono mutuate dal lavoro impressionista e dalla pittura en plain air.

In ultimo, l’inserimento di colori pastello, in antitesi dinamica con la tavolozza impressionista, e la minuziosa staticità ricca di particolari di alcune figure rimandano all’amore per il mondo e la cultura giapponesi.

In questo background di esperienze cromatiche, di universi artistici e nonostante gli accadimenti storici e i fenomeni interiori, Whistler riesce ancora a ritrarre la bellezza vera. 

Non quella bellezza fatta di aurea proporzione, di contrappeso di colori, di simmetria compositiva, di armonia delle forme.

I corpi lasciati indefiniti si rimodellano attraverso l’impronta del pennello. Laddove invece il disegno è ricco di dettagli è il colore a dominare l’indefinito.

La sua è una mutua e mobile partecipazione tra interno ed esterno, sinergia di interiore ed esteriore, integrazione tra corpo e anima.

E questa silenziosa eco risuona potente anche dopo aver allontanato gli occhi dalle immagini.

Annunci

2 thoughts on “James Abbott McNeill Whistler (1834-1903)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...