Yes Sir, I can boogie

A cura di Roberto Mazzeo

E buona giornata da Sir Anthony Hopkins e la sua passione per la pittura

Postilla di Camelia Nina

Oggi vi presento i  nefasti effetti del sogno americano.

L’entrata in scena degli Stati Uniti d’America nell’economia, nella storia, e anche nell’arte europea ha provocato conseguenze disastrose, pagate a carissimo prezzo. Il suo potere è stato quello di cancellare tutto quanto la vecchia Europa aveva lentamente, con sapienza ed esperienza creato.

Specificatamente nell’arte visiva, ha distrutto il simbolo, l’archetipo, la tecnica. Lasciando credere a chiunque che il “sentire” sia condizione necessaria e sufficiente affinché le opere siano d’arte. Convincendo che chiunque possa essere in grado di produrne di proprie, di avere qualcosa da dire.

Con Warhol prima e con l’Espressionismo astratto poi, fino alla Street art di Keith Haring e dell’odierno Bansky, l’America ha dettato nuove insulse regole di stile e di mercato, imponendosi come unico e solo riferimento culturale degno di attenzione.

Tutti bravi a sottolineare gli errori di Duchamp, ignorando gli orrori di Warhol.

É questo il motivo per cui detesto la Pop art ma amo la Lowbrow o Pop Surrealismo, in quanto mantiene vivi quei legami con la cultura e la tradizione europee.

Gli addetti ai lavori contemporanei stanno in fissa con questa storia della poetica innovativa, del linguaggio originale, del mezzo moderno, tecnologico, con l’update.

Ditemi, di grazia, che cosa c’è di più giusto della tradizione?

Tra-ducere vuol dire portare attraverso, indica l’azione di viaggiare nel tempo passato verso un tempo futuro, costituendo le basi su cui svolgere il presente. Ingloba in un unicuum un trino momento.

Come ieri tutto era già contemporaneo, così oggi ogni cosa è ancora tradizione.

Rifiutare la tradizione è, dunque, controsenso: una contraddizione in termini.

Rifiutare la tradizione significa rifiutare il presente e con esso la possibilità di vivere l’attuale.

Poiché se è vero com’è vero che viviamo proiettati nel domani, è altrettanto vero che proveniamo dal passato.

Siamo ciò che siamo stati, saremo ciò che siamo.

Non sempre gli stessi, ma gli stessi per sempre.

“Comprare è molto più americano di pensare, e io sono molto americano. In Europa e in Oriente la gente ama commerciare… gli americani non sono così interessati a vendere, infatti preferiscono buttare via che vendere. Quello che amano veramente è comprare: gente, denaro, paesi”.

(Citazione & Immagine in evidenza: Andy Warhol, Signed one dollar bill)

Annunci

15 thoughts on “Yes Sir, I can boogie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...