L’attimo fuggente

La brevità di un momento felice dipende dalla brevità della felicità o dall’impressione che ne abbiamo in quell’istante?

Io dico che la durata di ogni momento è esattamente la stessa.

Siamo noi che dimentichiamo più fretta i giorni felici, credendo che siano stati più brevi, poiché la gioia non si argina e scorre via come un fiume, mentre ci trasciniamo dietro, cadaveri nauseabondi, i giorni tristi, credendo ingiustamente ch’essi siano interminabili, poiché il dolore lo si trattiene a pugni stretti e a muso duro.

E’ pur vero che tecnicamente il tempo non esiste, tuttavia, vi è una soluzione per dilatare entrambe le percezioni nella stessa distensione dell’anima.

(Immagine in evidenza: J.W. Waterhouse, The Soul of the Rose, 1903)

Un re convocò a corte tutti i maghi del regno e disse loro: «Vorrei sempre essere d’esempio ai miei sudditi. Apparire forte e saldo, quieto e impassibile nelle vicende della vita. A volte mi succede d’essere triste o depresso, per una vicenda infausta o una sfortuna palese. Altre volte una gioia improvvisa o un grande successo mi mettono in uno stato di anormale eccitazione. Tutto questo non mi piace. Mi fa sentire come un fuscello sballottato dalle onde della sorte. Fatemi un amuleto che mi metta al riparo da questi stati d’animo e sbalzi d’umore, sia quelli tristi che quelli lieti».

Uno dopo l’altro, i maghi rifiutarono. Sapevano fare amuleti di tutti i tipi per gli sprovveduti che si rivolgevano loro, ma non era facile abbindolare un re. Che voleva per di più un amuleto dall’effetto così difficile.

L’ira del re stava per esplodere, quando si fece avanti un vecchio saggio che disse: «Maestà, domani io ti porterò un anello, e ogni volta che lo guarderai, se sarai triste potrai essere lieto, se sarai eccitato potrai calmarti. Basterà infatti che tu legga la frase magica che vi sarà incisa sopra».

L’indomani il vecchio saggio tornò, e nel silenzio generale, poiché tutti erano curiosi di sapere la magica frase, porse un anello al re. Il re lo guardò e lesse la frase incisa sul cerchio d’argento: «Anche questo passerà».

Annunci

23 thoughts on “L’attimo fuggente

    1. Ho preso spunto da vecchi ricordi.

      “Se qualche spirito leggero, vagolando fra le immagini del passato, si stupisce che tu, Dio che tutto puoi e tutto crei e tutto tieni, autore del cielo e della terra, ti sia astenuto da tanto operare, prima di una tale creazione, per innumerevoli secoli, si desti e osservi che il suo stupore è infondato. Come potevano passare innumerevoli secoli, se non li avessi creati tu, autore e iniziatore di tutti i secoli? Come sarebbe esistito un tempo non iniziato da te? e come sarebbe trascorso, se non fosse mai esistito? Tu dunque sei l’iniziatore di ogni tempo, e se ci fu un tempo prima che tu creassi il cielo e la terra non si può dire che ti astenevi dall’operare. Anche quel tempo era opera tua, e non poterono trascorrere tempi prima che tu avessi creato un tempo. Se poi prima del cielo e della terra non esisteva tempo, perché chiedere cosa facevi allora? Non esisteva un allora dove non esisteva un tempo.”

      Liked by 1 persona

      1. ne ha fatti di danni er sor Agostino… ovunque c’è sempre stata una concezione circolare del tempo. Ma lui, ideologo della chiesa della colpa, a seguito di un peccato originale mai commesso, NEPPURE NELL’ANTICO TESTAMENTO, doveva partorire un tempo lineare con un inizio sennò gli cascava il castello di carte del Gesù redentore 😉

        Liked by 1 persona

      2. Ok. Ho capito perfettamente la tua posizione. Vedo che ho tirato fuori nuovamente il trinceratopo che è in te. 😛
        Anyway, io sostanzialmente credo che sprazzi di verità si possano trovare ovunque, anche tra le parole, e a volte tra i gesti, di chi magari sta facendo di tutto non solo per allontanare se stesso da un preciso obiettivo, ma di dirottare l’intero volo.
        Il tempo inteso come distensio animi è una verità, in ogni modo, in quanto facilmente dimostrabile e verificabile in prima persona. Questo è l’unico metodo che mi sono data nel mio percorso: quanto io posso dimostrare nella vita pratica quotidiana, ciò diventa vero come fondamento di pensiero.
        Ciò che non posso provare da me, non è vero, per me. 😛

        Liked by 1 persona

      3. Buongiorno, poker face. 🃏🃏
        Mi piacciono le tue domande divertite.😛
        Kmq, ti risponderò correndo il rischio. Faccio esperienza di me stessa ogni giorno, quindi esisto nella misura in cui mi faccio male, provo gioia, piango o rido. Esisto nella misura in cui gli altri sono in grado di “percepirmi” e di restituirmi quel riflesso di me che altrimenti non vedo.
        Poi se parli di un altro piano dell’esistenza, francamente lo ignoro.
        Non sono cartesiana perché non ho l’abitudine di dubitare, al contrario, come ti ho scritto altrove, accolgo molte cose sulla fiducia.
        In linea di massima, se mi dici qualcosa non penso che tu mi stia mentendo poiché non ne riconosco il motivo (ma la realtà potrebbe essere che tu lo stia facendo).
        https://neanuovaecologiaartistica.wordpress.com/2015/11/03/il-triangolo-no-non-lavevo-considerato-riflessioni-metafisiche-meta-serie/amp/

        Mi piace

      4. buongiorno, intanto la ringrazio per la stima… ahahahah
        intendevo appunto suggerire che ogni sfaccettatura del vivere è un puro atto di fede, anche nelle cose che più diamo per scontate e certe
        ps: si può mentire anche in buona fede, non necessariamente con un intento malevolo. E la maggior parte delle volte lo facciamo con noi stessi prima che con gli altri. Il santo dubbio salva e fa crescere; non parlo ovviamente del pregiudizio dello scettico a priori
        pss: se non sei una persona che dubita perchè hai bisogno di essere caustica? Direi che come minimo dubiti della bontà del tuo essere fiduciosa… 😛

        Liked by 1 persona

      5. Ma no, l’ho virgolettato appositamente per non farti pensare a nulla di strano.
        Facciamo così: ho nuovamente visto una tua fotografia per caso sul tuo blog.
        Va meglio?
        (Cosa mi “costringi a fare!!! 😬😬😛😛😛😶)

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...