Stagioni

Amavo questa canzone pure prima di conoscere il siciliano.
Ora che lo conosco, so anche il perché.

(Immagine in evidenzaLouis Welden Hawkins – Autumn, 1895)

“Stamo un poco all’umbra
cca’ c’è troppu suli.

Veni l’autunnu

scura cchiù prestu

l’albiri peddunu i fogghi

e accumincia a scola

da mari già si sentunu i riuturi

e a mari già si sentunu i riuturi.

Mo patri m’insignau lu muraturi

pi nan sapiri leggiri e scriviri

è inutili ca ‘ntrizzi

e fai cannola

lu santu è di mammuru

e nan sura.

Sparunu i bummi

supra a Nunziata

‘n cielu fochi di culuri

‘n terra aria bruciata

e tutti appressu o santu

‘nda vanedda

Sicilia bedda mia

Sicilia bedda.

Chi stranu e cumplicatu sintimentu

gnonnu ti l’aia diri

li mo peni

cu sapi si si in gradu di capiri

no sacciu comu mai

ti vogghiu beni.

Messmuka issmi khalifa

adrussu ‘allurata al ‘arabiata

likulli schain uactin ua azan.

Likulli helm muthabir amal

likulli helm muthabir amalc.”

Annunci

2 thoughts on “Stagioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...