Into the mystic

Non capisco perché si tenda a relegare la preghiera ad un momento specifico della giornata, uno o più momenti isolati dal resto del fare quotidiano.

Trovo che sia più naturale vivere ogni istante estendendo ad esso la preghiera, fare ogni cosa in costante tensione meditativa e contemplativa.

(Immagine in evidenza: Edward Leighton, The King and the beggar-maid)

Annunci

2 thoughts on “Into the mystic

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...