Lotus

Ci piace tutto ciò che non ci urta, che non ci stride perché ci fa sentire accolti, perché sana una atavica ferita umana relativa all’esclusione dal “paradiso perduto”.

E lo chiamiamo ingiustamente amore, tutto ciò che soddisfa pulsioni, istinti, desideri e passioni e consideriamo monchi e mancanti coloro ai quali, per natura o per karma, è negato l’accesso ai piaceri più carnosi e carnali.

E valutiamo, per questo, indegne d’amore, di questo che noi confondiamo con amore, quelle persone catalogate come di serie B, incapaci di soddisfare i requisiti mondani.

E diventano immediatamente scarti umani quelli che, per sventura o per karma, perdono d’improvviso questo pass esclusivo al backstage dell’inferno.

Ma che voglia matta che abbiamo di partecipare al banchetto della carne, all’orgia dei sensi, all’avviluppo informe di cadaveri nauseabondi! Come menadi ubriache declassate e dissacrate, violate nell’intimo più profondo.

Buon appetito a voi, dunque, cannibali senza fame, lotofagi impuniti!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...