Raccolti & Differenziati

Quando noi consideriamo profondamente il massimamente freddo e il massimamente caldo, ci accorgiamo che essi coincidono. Tracciamo un esempio banale: se apriamo il rubinetto sul caldo, aspettiamo che l’acqua diventi bollente (senza porre particolare attenzione al vapore) e mettiamo le mani sotto il getto, all’inizio non saremo in grado di comprendere se si tratta di caldo o freddo.
Avremo un momento di disorientamento. Quando la pelle si sarà adattata alla sensazione, allora cominceremo a distinguere. L’adattamento della sensazione rappresenta il passaggio dal massimamente caldo al massimamente freddo.

Ciò significa che le differenze tra gli opposti sono percepibili fintanto che ci si trova nella medietà, nel momento di transizione e che nella massima espressione della propria natura gli opposti, in quanto contrari, non esistono.
E in effetti, la medietà è proprio la condizione in cui si trova l’uomo: tra il divino angelo e il brutto animale. Costretto a vagare per le secche e disperse lande della Terra di Mezzo.

Tuttavia, questo suggerisce anche un metodo d’azione: per riunificare gli opposti è necessario conquistare il massimo livello.

Bisogna
eccellere, bisogna eccedere.


3 risposte a "Raccolti & Differenziati"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...