Smile

Non c’è regalo più prezioso del proprio tempo e non c’è tempo speso meglio di quello passato ridendo. (Immagine in evidenza: Sciocco che ride, dipinto olandese,1500 ca.)

Scent of a Rose

Leggo, ahimè troppo spesso, sgrammaticate dediche appassionate, piene di ardore erotico, di adolescenziale veemenza, di spudorato bisogno, di sfacciato trasporto. Lettere a cui qualcuno assegna attributo d’amore. Non cambiare mai, scrivono. Che a me, a essere proprio sincera, mi pare più un anatema, una sentenza che una dedica augurale o un omaggio sentimentale. Dove c’è … More Scent of a Rose

Shhh… iao belo

Sempre quando sono immersa in faccende quotidiane assolutamente banali, giungono a me, da un mondo parallelo, flash incontrollabili, sprazzi di suoni, spruzzi di alcol, lampi di genio, colpi della strega. Oggi, ho ricevuto la notizia che il labirinto è il simbolo del karma. Così, papale papale, secco secco. Mò sta a me cercare di comprenderne … More Shhh… iao belo

Brrr…

Mater ignota. M. ignota. mignota. mignotta. Auguri. (Immagine in evidenza: The Frigidarium, Lawrence Alma-Tadema, 1890)

Chains

Premetto che non sono complottista, però più vado avanti nella mia vita e più mi sembra chiaro che chi ci governa, chi detta le mode, le tendenze, chi determina ciò in cui crediamo o crediamo di credere di aver bisogno, conosce alla perfezione il meccanismo della macchina biologica umana. E tutto quello che crea appositamente … More Chains

Al fuoco!

Bruciarsi serve. A fare conoscenza del fuoco. Non è servito forse cadere, prendere confidenza col suolo, prima di imparare a camminare eretto e in equilibrio? Il processo non è dall’idea al fatto sensibile, ma dal fatto sensibile all’idea. Non si può partire da un’astrazione per arrivare a comprendere un fenomeno fisico. Piuttosto  si estrapola un … More Al fuoco!

Scusate il -ritardo-

Il problema degli uomini contemporanei è che siccome hanno tutti (o quasi) conseguito il diploma di Stato, credono di possedere un’opinione e di potere, per questo motivo appunto, esprimerla. (Immagine in evidenza; Warning! Enter at your own risk, M. Cattelan, 1994)

Contronatura

“Parla un po’ così posso vederti.” “Chissà perché i cattivi sono sempre gli altri. Come si fa a eliminare questo insopportabile tuo/mio? Vorrei divenire capace di prendere ogni tuo dolore come fosse il mio, di sentire ogni tua gioia come affar mio. Ricordiamoci che noi siamo gli altri degli altri.” (Immagine in evidenza: Non si … More Contronatura